martedì 12 febbraio 2019

"Una ladra in biblioteca" di Sue Halpern-RECENSIONE

Titolo: Una ladra in biblioteca
Autrice: Sue Halpern
Pagine:351
Prezzo:17,90€ (compra QUI)
Il voto che gli ho dato:⭑⭑⭑,90
Trama:Le persone vanno in biblioteca per i motivi più vari. Molte ci vanno per i libri, naturalmente, altre per trovare compagnia. Quanto a Kit, che lavora nella biblioteca pubblica di Riverton, cittadina industriale in crisi nello New Hampshire, lei cerca essenzialmente la pace. Qui nessuno si metterebbe a rivangare gli eventi traumatizzanti che l'hanno spinta ad abbandonare la città, la famiglia e il suo posto in società. E lei può proteggersi con i suoi amati libri e cercare di dimenticare. Ma tutto cambia quando si presenta una ragazzina quindicenne, Solstice detta Sunny, arrestata per aver rubato un vocabolario in un negozio e condannata dal giudice a lavorare in biblioteca per un periodo di tre mesi. Sunny è una persona curiosa, brillante, aperta e desiderosa di allontanarsi da una famiglia soffocante. Kit inizialmente è infastidita dall'invadenza di Sunny, ma proprio grazie a lei incomincia a uscire dal bozzolo di isolamento che si era auto-imposto, e a conoscere meglio i frequentatori, talora emarginati ma sempre interessanti e originali, di questa piccola biblioteca che è diventata il cuore pulsante del paese. E a mano a mano che Kit e Sunny fanno i conti con il proprio passato, insieme si aiuteranno a riappropriarsi della propria vita.

Recensione:
Salve lettori, come state voi? Spero bene! Io sono veramente tanto contenta di star postando un articolo almeno ogni settimana e spero pian piano di diventare sempre più attiva come prima, scuola permettendo ovviamente, in tal caso mi trovate sempre con lo stesso nome su Instagram,dove posto una volta al giorno.

Ma oggi di cosa parliamo esattamente? Oggi vi recensirò "Una ladra in biblioteca" di Sue Halpern che ho letto qualche mese fa, colgo l'occasione di ringraziare ancora la Corbaccio Editore per avermi dato la possibilità di leggerlo! 

Kit,una donna con un passato difficile alle spalle, ora  lavora nella biblioteca pubblica di Riverton nel New Hampshire, lei è totalmente chiusa in se stessa per ciò che ha vissuto e l'unica cosa che le dà realmente pace è la lettura, la porta totalmente in un altro mondo facendole dimenticare, almeno per un momento, le cicatrici del suo animo che sono davvero molto profonde, trova confortante il lavoro in biblioteca perchè è un luogo nel quale puoi non fare conversazione ed entrare in contatto con la gente. Tutto questo però cambia quando  Solstice , detta Sunny , viene condannata per tre mesi di servizi sociali nella biblioteca di Riverton per aver rubato un dizionario, questa quindicenne,dopo aver osservato attentamente Kit, decide di volersi avvicinare a lei essendo incuriosita dal suo comportamento inusuale.  Ma prima di addentrarci nel vivo della trama, chi è Sunny? Sunny è una quindicenne che vorrebbe fare ciò che i suoi coetanei fanno alla sua età ovvero: andare a scuola,poichè le viene imposto dal padre di studiare in casa, avere qualche amico con cui uscire ma soprattutto apprendere il significato di quelle parole di cui non riesce a comprendere il significato, motivo per il quale decide di rubare un dizionario, quindi in realtà la punizione che le viene assegnata non può neanche essere considerata tale, dato che lei adora i libri in sé. 
Quindi Kit,la donna con un passato difficile che vorrebbe essere lasciata sola con i suoi demoni e Sunny,una ragazzina curiosa che è pronta a rischiare tutto per conoscere ogni cosa che la circonda, riusciranno ad andare d'accordo?


Devo ammettere che io non leggo molti libri ambientati in librerie o biblioteche,sinceramente non so per quale motivo, insomma semplicemente non mi è mai capitato, ma devo dire che questo romanzo
per approcciarmi a questa tematica non mi ha delusa. Ovviamente non gira tutto intorno ai libri in generale,che infatti sono solo due elementi che accomunano le due protagoniste, ma il romanzo si focalizza maggiormente su Kit e Sunny,raccontandoci la loro storia.
Una delle cose che ho apprezzato di più di questo libro è proprio il rapporto tra le due protagoniste , è incredibile come una ragazzina con la sua curiosità e la sua fine invadenza riesca a far cadere tutte le barriere rette da Kit, infatti un messaggio importante che viene trasmesso lungo il corso della lettura è  che non è mai troppo tardi di rinascere dal proprio passato perchè nel futuro ci sarà sempre qualcosa di bello pronto a farti stare meglio di quanto tu non lo sia mai stata.



Forse l'unica cosa che non mi ha convinta a pieno è stato proprio lo stile di scrittura dell'autrice, l'ho trovato molto fluido, ma il fatto che non ci siano stati molti dialoghi mi ha un po' bloccato in alcune parti della lettura, ma comunque è un libro che si fa leggere!

Detto ciò ve lo consiglio nel caso vi vogliate immergere in un romanzo che ti fa scoprire il valore dell'amicizia che arriva quando meno te lo aspetti e che ti fa ricordare che a  ognuno di noi viene donata una seconda possibilità per qualunque cosa ed è per questo che non ci si deve arrendere.

Spero che questa recensione vi sia piaciuta e se qualcuno ha letto il libro di cui vi ho appena parlato fatemi sapere se vi è piaciuto oppure no!
A presto,
Ilaria.



17 commenti:

  1. Non conoscevo questo libro è la trama sicuramente è interessante, ma solitamnte non mi piacciono i libri di questo genere, troppa introspezione (dipende poi come è presentata) e oltretutto hai detto che ci sono pochi dialoghi. Personalmente trovo che i dialoghi aiutino la fluidità della lettura, aiuta a mantenere alta l’attenzione. Almeno per me.

    RispondiElimina
  2. Punto questo libro da quando la Corbaccio ha annunciato la sua uscita, nemmeno io leggo libri dove i temi principali sono le biblioteche o i libri. Ma spero un giorno di poterlo leggere, e mi piacerebbe poi scambiarci anche qualche opinione a riguardo.

    RispondiElimina
  3. Bellissima scoperta. Non gli avrei dato molto peso se non fosse stato per la tua recensione... In realtà non è oroorkp il mio genere ma credo che la storia sia molto interessante. Mi rivedo forse in Kit (o forse la invidio) e Sunny sembra un personaggio interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oroorkp, come è ovvio, significa "proprio" in una lingua sconosciuta u.u

      Elimina
    2. a me è piaciuto, in più ho amato come sono state presentate Sunny e Kit

      Elimina
  4. Trama carina! peccato per i pochi dialoghi... troppa introspezione e riflessione rendono spesso i libri pesanti, non so se provar a leggerlo, ho paura di non apprezzarlo

    RispondiElimina
  5. Lo avevo visto in giro e non mi sarebbe dispiaciuto la lettura però il fatto dei dialoghi mi turba perché li ritengo molti importanti in un libro

    RispondiElimina
  6. Il libro da come ne parli sembra abbastanza interessante però non mi ha del tutto convinta.
    Però vorrei tanto leggere dei libri ambientati in biblioteca *^*

    RispondiElimina
  7. Da quando è uscito lo tengo d'occhio ma non sapevo questa cosa dei dialoghi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non lo so io ho notato questa cosa ,ma da persona a persona può cambiare

      Elimina
  8. Bellissima recensione! Il libro mi ispira molto!

    RispondiElimina
  9. Lo punto da un sacco di tempo, penso proprio che me lo faró regalare presto!

    RispondiElimina