domenica 25 giugno 2017

Skam season 4: parliamone...-RECENSIONE








Salve lettori,oggi sono qui per parlarvi di una serie tv che avevo recensito in onore della quarta stagione,ovvero l'ultima, di Skam.
Inizio con il dirvi che sarà molto difficile parlarne per me perché è veramente una serie tv che merita molto rispetto ad altre che magari sono più diffuse.


Innanzitutto per chi non avesse letto la mia prima recensione su questa serie tv vi spiego in poche parole cos'è Skam; Skam è una serie televisiva norvegese che viene trasmessa in Italia,tramite streaming,con i sottotitoli in italiano,ogni stagione si concentra su un personaggio diverso della scuola Nissen.
Nella prima stagione c'è stata Eva,nella seconda Noora,nella terza Isak e nella quarta Sana ; ogni stagione poi tratta di argomenti differenti riguardanti la società di tutti i giorni o anche solamente di problemi adolescenziali .
La quarta stagione parla principalmente di Sana,una ragazza musulmana,che ci fa aprire gli occhi su alcuni pregiudizi che ci sono nella vita di tutti i giorni.
Sana ci viene presentata fin dalla prima stagione come un personaggio forte e con buoni ideali ed hanno attraversato la sua dura corazza ,formata da tutti gli insulti che ha ricevuto,quelle che poi sono diventate le sue migliori amiche:Eva,Noora,Chris e Vilde.
Sin dal primo episodio della quarta stagione veniamo catapultati all'interno del suo mondo,come ad esempio quando prega e addirittura quando compie il ramadan,insomma impariamo la sua cultura che molte volte ci viene rappresentata in modo negativo e diverso.
Un'altra parte della serie tv si concentra sull'amore che Sana prova per Yousef ,anche se i due si capiscono con un solo sguardo sarà molto difficile il loro rapporto perché all'apparenza hanno personalità differenti.

Mi è piaciuta soprattutto il rapporto che si è creato insieme a Isak,il ragazzo protagonista della terza stagione, entrambi si sono sempre ritrovati in difficoltà ad approcciarsi con le persone perché ,Isak è un ragazzo che pian piano scopre e accetta la sua omosessualità mentre Sana è una ragazza musulmana che viene catapultata nella società norvegese in cui tutti la giudicano, anche solo perché porta lo hijab ma come ci viene detto anche da lei è una sua scelta portarlo.
Insomma ora direi di parlare dell'ultimo episodio senza fare spoiler...nell'episodio conclusivo di stagione la regista ha voluto approfondire alcuni personaggi quindi in cinque minuti circa abbiamo solo il loro punto di vista e non più quello di Sana.
Diciamo che mi è piaciuto vedere in un solo la storyline dei personaggi ma non ho capito questa scelta nel farlo così frettolosamente insomma forse un'altra stagione potevano dedicarla ad esempio a Vilde o ad Even che ha un problema come il bipolarismo. Ho veramente trovato tutto l'episodio molto frettoloso...mentre ora vi parlo della fine,gli ultimi 10 minuti non sono stati formati da un punto di vista particolare ma era tutto il cast insieme ed in quel momento ho visto tutto l'amore possibile insomma un giorno in cui i personaggi erano tutti in armonia tra loro.
                                       

Insomma il messaggio finale è che nonostante la società sia piena di pregiudizi e di fraintendimenti ,nonostante la paura che si prova in alcune situazioni, l'amore ,fortunatamente, prevale e dovremmo concentrarci su questo concetto anche se a volte banale.
Se avete visto poi la prima stagione vi siete accorti di questa piccolezza anche se importante, il primo episodio incomincia con Jonas che fa un discorso e ora, che siamo qui, alla fine di Skam il discorso conclusivo l'ha fatto Jonas,questa è una cosa che mi è veramente piaciuta!
E' veramente impossibile parlare di questa serie tv in un solo articolo ,perché contiene così tanti messaggi da ricordare come l'omofobia,la discriminazione,il razzismo e il femminismo...ma ci sono anche messaggi che fanno parte dell'adolescenza come le insicurezze che ognuno prova verso se stesso o per esempio anche il primo amore.
Skam mi ha insegnato soprattutto che anche se molte volte una persona si possa sentire sola non lo è mai realmente perché ognuno è parte del grande caos.
Mi mancherà comunque anche solo per i grandi discorsi di Noora,i quali fanno aprire la mente a tutti, mi mancherà l'amore tra Isak e Even e la loro lotta contro l'omofobia,mi mancherà la forza di Sana e Vilde,la voglia di Chris di aiutare la sua migliore amica.


Non sarò mai pronta ad abbandonare sul serie Skam perché mi ha insegnato troppe cose quindi spero che vi ricorderete che "EVERYONE YOU MEET IS FIGHTING A BATTLE YOU KNOW NOTHING ABOUT.BE KIND.ALWAYS." perché è così quasi nessuno sbandiera a tutti che sta passando un periodo difficile quindi è nostro compito essere gentili. Così come vi dovete ricordare "DU ER IKKE ALENE" che nella sua brevità trasmette molto,perchè NESSUNO è realmente solo e non convincetevi del contrario.
E come ultima cosa "ALT ER LOVE" perché tutto è amore...nella società odierna non ci dovrebbero essere distinzioni in amore perché ognuno è libero di amare chiunque che sia maschio sia femmina perché siamo tutti uguali;ringrazio veramente Julie Andem per aver ideato una perla e non so voi ma io non dimenticherò le cose che sono state dette in questa serie ed ora tocca a noi ad applicare questi ideali dentro la nostra vita.
Grazie per aver letto,
Ilaria.

Nessun commento:

Posta un commento